eiffel-tower-1784212

Un weekend a Parigi, tra shopping e musei

#parigimonamour. In qualsiasi stagione si vada, Parigi è una città viva, animata. Una città da visitare, da studiare, e di cui innamorarsi. Un fine settimana non è sempre sufficiente, servirebbero almeno quattro giorni: quattro magnifiche giornate per esplorare i luoghi più incantati della città. I primi suggerimenti sono sul come arrivare. Per chi “vuole fare in fretta”, l’aereo è di sicuro la soluzione ideale. E più economica: tante sono le compagnie low cost che coprono il servizio. Un suggerimento: meglio l’aeroporto di Orly o l’hub di Charles de Gaulle, entrambi comodissimi per raggiungere il centro di Parigi in poco meno di un’ora. 

Una volta raggiunto il cuore della capitale francese, e approdati negli arrondissement, si inizia a vivere. In quel modo unico che solo Parigi sa regalare. Non lo nascondo, un paio di settimane fa ero indecisa sulla soluzione da adottare per dormire, gli hotel sono innumerevoli e variano tantissimo in base al budget. Io ho preferito un Best Western nel I arrondissement, l’Hotel Paris Louvre Opera. A tre minuti (davvero tre!) dalla metropolitana, e a dieci minuti da tutto quanto si deve vedere in città. É un piccolo hotel tipicamente francese, il Louvre Opera, con camere pulitissime e personale molto disponibile. Per chi non si accontenta di un tre stelle, la stessa catena ha diverse soluzioni in ogni angolo di Parigi: una proposta chic è quella dei Privilege, la “prima classe” del marchio. Ma ci sono anche moltissimi B&B e altrettanti appartamenti, per chi volesse una soluzione più economica o preferisse vivere come un vero parigino.

hotel-paris-louvre-opera

L’hotel scelto per il mio soggiorno a Parigi.

Ma via, cartina alla mano, si parte. Attenzione, programmare la giornata è fondamentale per non girare a vuoto, per vedere tutto (o quasi) e per dedicarsi anche a un po’ di shopping. Che quello, a Parigi, proprio non può mancare. Il primo giorno suggerisco di muoversi in superficie, soprattutto se è la prima volta in città. Ovviamente la giornata non può che cominciare con una buona colazione. O, come la chiamano i francesi, petit déjéuner. La mia preferita è Da Paul: ce ne sono tantissimi in giro per la città, tante le prelibatezze e con prezzi decisamente smart.

caption

Colazione da Paul.

Con la pancia piena, suggerisco di dirigersi verso il Jardin des Tuileries, un immenso giardino alla francese che si trova tra Place de la Concorde e il Museo del Louvre. É, questo, il luogo perfetto in cui perdersi. Per ammirare un panorama unico, per visitare il Musée de l’Orangerie. Se però i tempi stringono, meglio dirigersi direttamente al Louvre (biglietto a 15 euro, gratis la prima domenica del mese), che di Parigi è tappa imperdibile. Si può anche “spaccare” la visita: al mattino si inizia con una prima parte, e poi si conclude la sera. Io ero con mio nipote, e pensavo si annoiasse. Ma mi sbagliavo. Si è divertito al punto tale che me lo sono perso, perché incantato dalle mille sale e dagli splendidi dipinti, ma anche delle imponenti statue. Avrà anche 12 anni, ma assicuro che la sua curiosità è stata unica!

louvre-1210004_1920

Tutto il fascino della Piramide del Louvre.

Finita la visita, si parte alla volta di Notre Dame: il rischio di trovare una lunga fila è da mettere in conto ma, se si ha tempo, ne vale la pena. Da lì un giro al Quartiere Latino, quello degli artisti, delle botteghe coi loro libri e i piccoli oggetti. Per ricordarsi di una Parigi letteraria. Una pausa pranzo è d’obbligo. Scegliere il locale dove fermarsi per rifocillarsi è un gioco da ragazzi: prezzi modici, buon cibo, servizio veloce e sempre molto gentile.

typical-street-273683

Una via del Quartiere Latino.

E poi si riprende il giro, pronti a navigare la Senna. La gita in barca dura poco più di un’oretta, ma si può apprezzare ogni singola vista grazie all’audio guida, disponibile in tantissime lingue. A quel punto si torna in hotel, per riposarsi prima di una buona cena in uno dei mille bistrò che Parigi vanta. Tante le specialità, ma nulla più della tartare: ottima, saporita al punto giusto, servita con delle patatine fritte e accompagnata da un buon bicchiere di vino. Una golosità da assaggiare: le crepes. Per i golosi alla Nutella, per i morigerati con limone e zucchero.

paris-967186

Una gita in barca sulla Senna è uno dei must a Parigi.

Il secondo giorno si riparte: meglio però scendere in metropolitana, che a Parigi è davvero a prova di imbranato! Partiamo alla volta di Montmartre; una volta scesi dalla metrò, si inizia a camminare verso la celebre basilica del Sacro Cuore. Un luogo unico, la cui vista abbraccia tutta la città. Attenzione: per chi non volesse (o non potesse) salire l’imponente scalinata, meglio scegliere la funicolare.

sacre-coeur-333113_1920

A Montmartre, la Basilica del Sacro Cuore.

A Montmartre – uno dei più caratteristici quartieri della città – una foto di rito al muro dell’amore è d’0bbligo. E poi via, su per le viette fino alla piazzetta degli artisti. Uno spettacolare scorcio parigino.

IMG_0376

Il Muro dell’Amore.

La seconda tappa è tutta in discesa, lungo le vie di Pigalle. Questa sì, che è storia di vita. Un quartiere multietnico dove trovare gli oggetti più strani. Noi abbiamo iniziato una collezione improbabile: quella delle piccole Tour Eiffel. Ecco, proprio questa è la nuova tappa: via, sotto il simbolo di Parigi, quell’immensa struttura ammirata e fotografata da tutti i turisti. E poi un po’ di shopping.

moulin-rouge-392147_1920

Il Moulin Rouge, simbolo di Pigalle.

Cosa fare? Dove andare? I grandi marchi sono ovunque, ma ci sono anche le boutique fast fashion con le grandi catene. Per chi ama lo shopping cult, meglio andare a Le Marais: qui si trova davvero di tutto, dagli oggetti di design all’abbigliamento, passando per gli accessori. Ci si può perdere. Curioso anche il giro a Les Halles, qualche negozietto con marchi più giovani, tutti da scoprire. E se viene fame, basta fermarsi in uno dei tanti localini che propongono piatti di ogni angolo del mondo.

IMG_0520

Il Centre Pompidou, nel Marais.

Viaggiate con i bambini? Bene, il terzo giorno potete dedicarlo a Disneyland Paris: il divertimento è assicurato, anche per gli adulti! Per gli altri, visita dei musei. E, per quanti sono i musei parigini, ci vorrebbe un libro per descriverli! Un suggerimento: girate con la guida del Touring Club Italiano. È tascabile e sintetica, fatta di comode schede da aprire e chiudere per muoversi velocemente. Per chi non vuole camminare, meglio acquistare la Paris Visit; oppure, per osservare una città in movimento, optate per i bus turistici. Qualsiasi sia la vostra scelta, una cosa è certa. Un pezzettino di cuore, a Parigi, ce lo lascerete.

Share this:

Leave a comment