13754173_1197855073578658_5099854518888648096_n

Tulipani a Milano, tra sogno e realtà

C’è un argomento tutto vegetale che, ancor più delle palme in Piazza Duomo, sta tenendo banco in questi giorni. E che, a differenza delle palme, il consenso dell’opinione pubblica l’ha ottenuto. All’unanimità. Con stupore, e con sorpresa. Stiamo parlando del campo di tulipani – enorme e coloratissimo – che, tra fine e marzo e metà aprile, disegnerà un angolo di Cornaredo. O, meglio, il suo viale della Repubblica.

Che poi, a immaginarselo, questo progetto somiglia ad una favola. «Chissà che bellezza i tuoi tulipani |chissà che bellezza, saranno domani…», cantava Paola Turci in Tulipani. Perché i fiori, un po’ magici, lo sono. Hanno una bellezza oggettiva, come poche altre cose al mondo. Regalano riflessioni, i fiori. E gioia, e pensieri, e felicità. E regalarli ad una città, e a chiunque passi da lì, è un gesto straordinario. L’idea del campo di tulipani – 250.000, appartenenti a 200 varietà diverse (per seguirne lo sviluppo: Tulipani-italiani) – arriva da un olandese (e chi, meglio degli olandesi, conosce i tulipani?), Edwin Koeman, e dalla sua fidanzata Nitsuhe Wolanios. Sono loro due, le menti di “U-Pick”.

17016072_1411256882238475_4377981097936368691_o

Piccoli tulipani crescono (foto di Sara Ottanà).

Perché non sarà solo un meraviglioso quadro, quello che colorerà Cornaredo. Sarà un progetto da vivere. Chiunque potrà visitare il giardino (aperto dalle 9.00 alle 19.30, 7 giorni su 7) al costo di 3 euro. Un costo, questo, che sarà ripagato con due tulipani. E se ne potranno raccogliere altri, di fiori: basterà andare al centro del campo per regalarsi piccoli e magici bouquet (i tulipani ai lati non potranno invece essere colti). Già le immagino, le bacheche Instagram. Piene di tulipani e di magia. La gioia di bambini d’ogni età, che avranno il privilegio di tuffarsi in una sconfinata distesa di profumi e di colori. E allora grazie, Edwin, per averci regalato questa favola. Grazie alla tua famiglia, che ai tulipani si dedica da una vita (suo cugino ha aperto un “U-Pick” persino in Texas!). E grazie a te e alla tua famiglia, che avete scelto l’Italia per “l’amore che gli italiani hanno per le cose belle”.

16904660_1411257608905069_7687427534538980774_o

Edwin Koeman e Nitsuhe Wolanios (foto di Sara Ottanà).

Dal canto mio, credo di aver finalmente trovato il posto giusto in cui farmi fotografare col pancione…

Share this:

Leave a comment