pexels-photo-203577

Dal vaso alla tavola: un pieno di salute!

Negli ultimi anni si è assistito ad un repentino cambiamento dello stile di vita dell’uomo. Il concetto stesso di cultura alimentare si è modificato radicalmente. Se da un lato troviamo le persone più sensibili e attente al tema del benessere e di qualità alimentare, dall’altro c’è la tendenza inversa a consumare prodotti “pronti all’uso”, pre-lavati, pre-sbucciati, pre-tagliati. In tutto questo stiamo perdendo di vista il gusto per un’alimentazione sana, bilanciata. L’ultimo trend è ritrovare il gusto del mangiar sano,  o meglio realizzando un piccolo orto in vaso, per gustare a Km zero le primizie di stagione.

Chi non è stuzzicato dall’idea di uscire sul proprio terrazzo per cogliere un pomodoro maturo da consumare immediatamente a tavola? Volendo iniziare l’avventura dell’orto in vaso, potremmo essere assaliti dal pensiero delle difficoltà che ci aspetteranno. In realtà coltivare in vaso è molto più semplice che farlo nell’orto… Non è discriminante abitare in città rispetto a chi ha scelto di vivere in periferia, vicino alla campagna. Possiamo creare un piccolo orto anche su un terrazzo disponendo aromi misti, pomodori, fagiolini, aglio, fragole… se poi avete soltanto un davanzale basteranno dei vasetti di aromatiche miste: basilico, prezzemolo, timo, maggiorana, salvia… da usare per tutte le pietanze.

trisIo stessa ho cominciato con i classici basilico, rosmarino, salvia. Ho sperimentato la coltivazione di piantine di peperoncini rossi, fragoline, pomodori, fagiolini, zucchine e quest’anno le melanzane. Tutto rigorosamente in vaso. La soddisfazione, via via che le piantine crescono e danno frutti, è enorme. Non più aromi secchi in vasetto. Ma gusti freschi e autentici. In fondo prendersi cura di un orto è facile e anche terapeutico a mio giudizio. Un riconciliarsi con Madre Terra: quando trapianti, quando rastrelli, quando innaffi… ci si rilassa davvero. Le piante che si possono coltivare sono davvero tante: alcune davvero facili da accudire. Come primo passo bisogna procurarsi degli strumenti di lavoro: guanti da giardinaggio, una paletta piccola, una zappa piccola, un rastrellino, annaffiatoio e spruzzino.

basilicoPoi vi servirà del terriccio universale, dell’argilla espansa per drenare l’acqua nel terreno, del concime organico o naturale. Tutto ciò lo potete trovarlo facilmente in un vivaio, unitamente a vasi, piantine e sementi. Ricordate che se volete piantare i semi dovete seguire attentamente le indicazioni stampate sulle bustine. Una semina troppo anticipata o tardiva pregiudicherà lo sviluppo della piantina. Diciamo che in generale in terrazzo si possono coltivare zucchine, melanzane, pomodori, peperoni, erbe aromatiche, fragole, cipolle e carote, sedano, insalata verde.

Niente male come varietà.

Quindi non vi resta che cominciare. Anche quest’anno mi sono organizzata per fare il pesto classico e quello personalizzato. La ricetta è molto semplice e la trovate qui, insieme ad un suggerimento per l’uso in un primo piatto. Le erbe aromatiche in particolar modo vi saranno di grande aiuto per insaporire tutti i vostri piatti, cercando poi di diminuire il sale in favore di un gusto più personale, più mediterraneo. E in più, con i loro olii essenziali favoriscono la digestione sviluppando le secrezioni di stomaco, pancreas e fegato; svolgono un’azione anti-microbica. Piacere e salute in un mazzetto di erbe!

Un suggerimento: preparate e regalate eleganti vasetti in vetro con vostro pesto home-made, le vostre salse verdi per le carne! Farete un figurone!

Come al solito vi invito a visitare il sito ufficiale per prendere spunti in vista dell’estate. Buon appetito e arrivederci a presto!

Share this:

Leave a comment