Category archive: Diversità alQuadrato

Polis Aperta banner

Polis Aperta: diversamente uniformi!

Questa volta voglio ampliare insieme a voi un po’ lo sguardo, andando oltre i confini del nostro “Sforzesco Ducato”, per presentarvi un’associazione nazionale che in parte smonta il pregiudizio  di molti che vedono in polizia  e forze armate un regno incontrastato del machismo, in cui la diversità non trova, né troverà mai, un posto.
E’ davvero così?
Poco tempo fa, ho avuto il grande piacere di incontrare a Bologna Simonetta Moro, agente di polizia municipale e presidente di Polis Aperta, associazione di persone LGBT in servizio nelle forze di polizia e nelle forze armate, che lotta per combattere ogni tipo di discriminazione. Sapevate della sua esistenza? Molti forse no! Per fortuna  però questa realtà esiste e penso valga proprio la pena di scoprire chi sono questi uomini e queste donne che hanno il coraggio di lottare contro la discriminazione, essendo sempre sé stessi, e mettendoci la faccia.
Conosciamoli grazie a Simonetta che ringrazio ancora di cuore per la sua disponibilità.

Continue reading

522887_3491578563099_1757618234_n

Occupazione a Milano: un progetto inclusivo che offre formazione e assunzione a giovani autistici.

Occupazione a Milano oggi è anche questo: un progetto dall’alto impatto sociale, rivolto a persone con disturbi dello spettro autistico, che nei prossimi mesi seguiranno un programma di formazione e verranno assunti in azienda per attività inerenti il settore dell’Information Technology. In altre parole: quando l’inclusività e l’integrazione delle diversità non sono un concetto astratto, banalmente sbandierato sotto il segno di un’etica politically correct, quanto una concreta realtà.

Continue reading

darlin_putin-foto-1

Yuri Guaiana racconta l’emergenza in Cecenia

Il New York Times ha espressamente parlato di pogrom.
Così è stata definita la situazione  vissuta dalle persone LGBT in Cecenia, che non ha eguali nella storia recente d’Europa.
Ne ha parlato di recente Yuri Guaiana, attivista membro del board di ILGA-Europe, ex segretario di Certi Diritti e campains manager dell’associazione ALL OUT, per conto della quale l’11 maggio si trovava a Mosca per consegnare  proprio una petizione contro le torture degli omosessuali in Cecenia.
Per questo è stato arrestato e – per fortuna – poco dopo rilasciato.
Cerchiamo di capire, grazie alla testimonianza diretta di Yuri nell’ambito di un incontro organizzato da 02PD presso Leccomilano in Porta Venezia, qual è la verità del dramma ceceno e perché questa situazione riguarda tutti.
Anche noi!

Continue reading

riforma500

500 Anni di Riforma Protestante a Milano

Sono passati esattamente 500 anni da quando  nel 1517, in Germania, il monaco Martin Lutero affiggeva le sue 95 tesi sulla porta della chiesa del castello della città di Wittenberg dando inizio alla Riforma Protestante.

Da quel momento ha convenzionalmente inizio la Riforma Protestante, destinata a cambiare la storia del nostro continente, e non solo.
Cosa hanno a che fare l’Italia e Milano con tutto questo?
Eppure è così! Infatti la Riforma Protestante ha attecchito anche in Italia, anche a Milano, nonostante la resistenza e le persecuzioni di secoli.

Certo, il nostro paese è tutto particolare, lo sappiamo. Anche per quanto riguarda l’informazione religiosa, mentre all’estero abbiamo giornalisti che trattano delle religioni (non di una soltanto), è solo qui in Italia che abbiamo una figura particolare, quella del “vaticanista”, tutta centrata a fare da cassa di risonanza ad una sola chiesa che ha sede oltre Tevere!
Nonostante ciò, anche il nostro paese è fatto di diversità, di varietà di pensiero, e la manifestazione di cui vi parleremo ne è la testimonianza. Scopriamo insieme di che si tratta!

Continue reading

human-2099066_1280

L’altro lato del carcere, tra piatti stellati, fiori e laboratori creativi

Ho sempre pensato che, le storie più belle, fossero quelle delle seconde possibilità. Storie di rivincite, di errori corretti. Storie di scuse, ma sincere. Storie di riscossioni, di un sorriso ritrovato. Storie che, magari, le prime pagine di un giornale non le riempiono. Ma un pezzettino di mondo lo cambiano. E queste storie, talvolta, nascono laddove non te lo aspetti. In un carcere, ad esempio.

Continue reading

Cardella3

White Sky a Brescia!

“WHITE SKY”.

Questo il titolo dell’originale installazione di Giuliano Cardella, talentuoso artista bresciano che avremo modo di ammirare dal prossimo 6 maggio in Corso Garibaldi a Brescia. Vi consiglio di seguirci nella presentazione di questo evento unico e del suo geniale creatore, che trasformeranno il centro della città lombarda in uno spazio espositivo a cielo aperto che spingerà il visitatore non solo ad elevare lo sguardo, ma anche lo spirito e le prospettive!

Continue reading

Oggi Milano fa i conti con la sua memoria

Immagino che molti di voi sappiano che oggi si festeggi il “Giorno della Memoria”, una ricorrenza, una data speciale per ricordare gli eccidi di massa e il tentato sterminio dell’intero popolo ebraico.
Ma cos’è esattamente il 27 gennaio? Ogni anno c’è un 27 gennaio! Vero, ma solo dal 2000, anche l’Italia, per legge, ricorda la data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, da parte dell’Armata Rossa, che frettolosamente, forse troppo, puntava su Berlino.

I russi conquistano il Reichstag, la sede del governo tedesco.

I russi conquistano il Reichstag, la sede del governo tedesco.

La data diventa quindi l’occasione per ricordare la Shoah, e tutto ciò che la storia ci ha insegnato esservi legato, ad iniziare, in particolar modo per il nostro Bel Paese, le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini e delle attività economiche ebraiche, gli italiani di religione ebraica che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che si sono opposti al progetto di sterminio, o hanno protetto i perseguitati anche a costo della loro vita.

Milano sta preparando un’infinità di manifestazione ed iniziative in giro per la città, non ultime le installazioni di alcune pietre d’inciampo, ma noi vogliamo ricordare un uomo che è sopravvissuto alla tragedia della deportazione e della reclusione, un individuo che ha avuto la forza di ritornare a casa (a piedi!), ma che ha vissuto la restante parte della sua vita con il grave fardello del ricordo. E’ per questo che, con le parole del nostro amico Alessandro Sorrentino, vogliamo ricordare un ebreo italiano, Primo Levi.